Sulle ali del vento: dieci haiku per quattro stagioni

 

 

brezza gentile ‒
s’aprono nuove gemme
sui vecchi rami

 

scrivo un haiku sul foglio ancora bianco il vento dell’estate

Monoku

 

vento d’estate ‒
lo sguardo di un uomo
perso nel cielo                                                  Presente nella silloge del vento d’estate di Cha No Keburi

 

bora di luglio ‒
i rami degli aceri
non si oppongono                                           Pubblicato su Otata di luglio 2016

 

vento d’autunno ‒
ondeggiano due aceri
senza toccarsi

 

soffia il vento in questo giorno d’autunno ci allontaniamo

Monoku

 

bora d’autunno ‒
le cime dei pioppi
puntano a nord

 

salici al vento ‒
a sfiorarsi soltanto
le loro ombre

 

nel palmo aperto,
tutto il vento raccolto
di quest’inverno

 

brezza invernale ‒
lentamente si sposta
un’altalena

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *