Nove tanka

 

 

 

Un altro autunno
per il roseto antico.
si confondono
nella luce dell’alba
sudore e rugiada

Dedicata 

 

Sedendo in grembo
a una sera d’autunno
umida e fredda,
improvviso è il ricordo
dei fiori di ciliegio

Assise sur le ventre
d’une nuite d’automne
froide et humide,
tout à coup, il est la mémoire
des fleurs de cerisier

 

Mentre osservo
sfumare in lontananza
l’ultimo treno,
questo sole d’inverno
mi tocca ma non scalda

 

Segue il contorno
di una nuvola, il ramo
di una betulla
sulle rose la pioggia
cade piano, leggera

 

Di questo vento
che si quieta, rimane
l’oro del sole
che si posa leggero
su una ragnatela

 

Quel desiderio
di lasciarmi cadere
nel verde grano…
solo cadere, come
un petalo dal ciliegio

 

Nel vento estivo,
pare flettersi assieme
ai vecchi pioppi
questo silenzio tra noi
qui, seduti sull’erba

 

Come falena
resto qui sullo scoglio,
cercando in cuore
quel punto sottile in cui
due mari si uniscono

 

Vorrei sapere
del battito di un fiore,
quando leggero
si gira su sé stesso
ancora splende e poi cade

 

Ukiyo-e by Kitagawa Utamaro, On top and beneath Ryōgoku Bridge  (1795–96). Source: Wikimedia Commons

 

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *